Vi voglio bene anche io (almeno credo)

Affronto, Senza categoria 23 settembre 2019

Oggi festeggio una settimana in cui non parlo con i miei genitori. Niente di niente. Non dico ciao, non dico ok, non dico sì no forse boh. Quello che molti potranno pensare a causa di questo anniversario è che probabilmente i miei genitori siano persone accondiscendenti o poco esigenti, e invece vi stupirò con gli effetti speciali: tutto il contrario. Per tutta la vita mi sono chiesta cosa sarebbe successo se avessi smesso di parlargli e mi sono immaginata le botte di mio padre e l’atteggiamento passivo aggressivo di mia madre.

Volete sapere invece cosa sta succedendo? Un bel niente. Credo che mio padre sia talmente stupito da questo mio atteggiamento che non sta neanche reagendo, mi guarda come fossi un alieno o trova scuse per farmi delle domande a cui secondo lui dovrei assolutamente rispondere. E io che faccio? Muta.

Mi ha scritto una lettera qualche giorno fa. Una delle sue solite letterine balsamiche per la sua coscienza, le sue solite lettere che non mi fanno provare niente. Una marea di parole estranee che però riassumono perfettamente i drammi della mia vita.

La lettera finisce così: ti voglio bene (almeno credo) papà.

Mi fa tenerezza tutta questa ignoranza e quindi papà io ti perdono perché non sai quello che dici, ma ancora di più perché non sai quello che scrivi.

da

Ho scritto una marea di cose, ma mai per davvero.

Comments 5

  1. unallegropessimista says on 23 settembre 2019

    Immagino già dolce consorte di dirmi di non intromettermi, perché non conoscendo i fatti dovrei stare zitto. Credo nel dialogo, e credo smettere di parlare a qualcuno che c’è caro sia terribile. Ora io non so che colpe abbia tuo padre o se ha realmente delle colpe nei tuoi confronti, però chiudere il dialogo credo sia la cosa peggiore che puoi fare, lo dico da padre ma soprattutto da figlio, un figlio che di discussioni ne ho avute parecchie soprattutto con mia madre. Scrivigli una lettera anche tu ? O abbraccialo digli che gli vuoi bene e poi digli cosa senti dentro di te.

    "Mi piace"

      • unallegropessimista says on 23 settembre 2019

        Io non ho detto che non sei intelligente. Io ho avuto scontri durissimi con mia madre, poi un giorno ho capito che tutto quello che lei faceva anche di sbagliato, o sbagliatissimo, nella sua testa era per il nostro bene mio e dei mie fratelli. Lei veniva da un mondo antico, aveva la terza elementare……. Il mio approccio con lei è cambiato, non è che facevo quello che voleva lei, ma il modo di rapportarmi a lei si, cercavo di spiegare le mie ragioni. Ora basta che leggi il mio blog capirai che non sto inventando niente, c’è scritto qua e là in qualche pezzo. Non possiamo sempre aspettare che siano gli altri a fare il primo passo, io avevo la cultura , l’intelligenza e l’amore verso di lei, e così sono stato io ad avvicinarmi a lei.
        Ti auguro di cuore che recuperi il rapporto con i tuoi genitori, da padre, ma soprattutto da figlio.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...